Cultura

Iniziative culturali a Barberino

Cultura e tradizioni

Palazzo Pretorio

Teatro Corsini

Premio Raffaello Cioni

News Cultura

Cultura

Barberino è un paese molto attento a promuovere iniziative culturali, con un’attenzione particolare per arte e tradizione. Questa sezione offre uno spaccato sulla cultura barberinese tra cenni storici e menzione degli artisti illustri che hanno amato il nostro territorio. Inoltre potrai scoprire gli spettacoli in programma a Teatro Corsini o le mostre nelle sale di Palazzo Pretorio, ma anche tutti gli eventi promossi dal Comune di Barberino di Mugello o dalla nostra associazione, come ad esempio il Premio Nazionale di Poesia e Narrativa Raffaello Cioni. 

Cultura

Barberino è un paese molto attento a promuovere iniziative culturali, con un’attenzione particolare per arte e tradizione. Questa sezione offre uno spaccato sulla cultura barberinese tra cenni storici e menzione degli artisti illustri che hanno amato il nostro territorio. Inoltre potrai scoprire gli spettacoli in programma a Teatro Corsini o le mostre nelle sale di Palazzo Pretorio, ma anche tutti gli eventi promossi dal Comune di Barberino di Mugello o dalla nostra associazione, come ad esempio il Premio Nazionale di Poesia e Narrativa Raffaello Cioni. 

Storia, cultura e tradizioni a Barberino

L’origine del rapporto tra Barberino di Mugello e la Cultura è da collocarsi in epoca medicea. Luigi Pulci, autore del Morgante e amico intimo di Lorenzo de’ Medici (del quale si ricordi il poemetto la Nencia da Barberino), dimorava durante i periodi estivi a Barberino, nella vicina frazione di Cavallina. Il territorio barberinese, per secoli crocevia di scambi commerciali, anche in campo culturale si contraddistingue come terra di passaggio, che grazie ai suoi abitanti ha saputo armonizzare tradizione e innovazione. Dal passato mediceo, Barberino ha negli anni continuato a mantenere vive le tradizioni e gli usi legati alla cultura contadina, non perdendo però la capacità di attrarre artisti e letterati di ogni epoca, affascinati dal luogo e dalla singolare tempra dei suoi abitanti. Proprio in Piazza Cavour, la principale del paese, il 13 marzo 1931 è nato Giuliano Vangi, stimato pittore e scultore, le cui opere sono state esposte in numerose sedi prestigiose in Italia e all’Estero. In Palazzo Pretorio, a pochi passi dalla casa natale, ha sede la Collezione Permanente Giuliano Vangi, unica raccolta pubblica di opere grafiche, visitabile gratuitamente, gentilmente donata dal maestro a Barberino e ai suoi abitanti. L’Associazione “Amici di Giuliano Vangi” dal 2011 opera in campo culturale, promuovendo la conoscenza dell’attività artistica del maestro tramite alcuni incontri pubblici serali, l’organizzazione di mostre, convegni e visite culturali, al fine di rafforzare il legame tra l’illustre artista e il territorio mugellano. Il paese ha un posto speciale non solo nel campo dell’arti visive ma anche in quelle letterarie. Barberino diede i natali a Don Raffaello Cioni, sacerdote appassionato di letteratura, a cui è intitolato l’omonimo Premio Nazionale di Poesia e Narrativa, che dal 2002 attira tra i suoi partecipanti poeti e scrittori di tutta Italia. Il legame tra Barberino e la poesia non si esaurisce qui. La località mugellana fu infatti volutamente l’ultima tappa, il buen retiro, di Piero Bigongiari, affermato poeta, scrittore e critico letterario protagonista della vita culturale e letteraria italiana del Novecento.

Oggi lo sguardo privilegiato sulla realtà culturale contemporanea è offerto dalle interessanti proposte della stagione del Teatro Comunale Corsini, curata dalla compagnia Catalyst, e dalle tante mostre e presentazioni letterarie presenti in Palazzo Pretorio tutto l’anno.

Barberino è un territorio aperto, in cui hanno potuto convivere insieme significative e visionarie esperienze artistiche accanto ai folclori antichi, mai dimenticati e tramandati tutt’oggi. Un ruolo importante nella preservazione delle antiche tradizioni contadine del territorio è ricoperto dai Maggiaioli, i cantori del maggio e del raccolto propizio, che con le loro ricostruzioni e i canti popolari intonati in occasione della festa paesana del Cantà Maggio, scandiscono ogni anno il passaggio alla nuova stagione, secondo l’uso dei tempi passati. A partire dalla volontà di condividere e trasmettere la tradizione del ricamo del punto antico fiorentino, da oltre 12 anni l’Associazione culturale “Sul Filo del Tempo” opera sul territorio mugellano con lo scopo di accrescere la riscoperta e la condivisione di questo sapere antico.

Un passato storicamente rilevante, un presente di attivo e vivace associazionismo, permettono di immaginare che l’unione tra Barberino di Mugello e la Cultura abbia un roseo futuro.

Storia, cultura e tradizioni a Barberino

L’origine del rapporto tra Barberino di Mugello e la Cultura è da collocarsi in epoca medicea. Luigi Pulci, autore del Morgante e amico intimo di Lorenzo de’ Medici (del quale si ricordi il poemetto la Nencia da Barberino), dimorava durante i periodi estivi a Barberino, nella vicina frazione di Cavallina. Il territorio barberinese, per secoli crocevia di scambi commerciali, anche in campo culturale si contraddistingue come terra di passaggio, che grazie ai suoi abitanti ha saputo armonizzare tradizione e innovazione. Dal passato mediceo, Barberino ha negli anni continuato a mantenere vive le tradizioni e gli usi legati alla cultura contadina, non perdendo però la capacità di attrarre artisti e letterati di ogni epoca, affascinati dal luogo e dalla singolare tempra dei suoi abitanti. Proprio in Piazza Cavour, la principale del paese, il 13 marzo 1931 è nato Giuliano Vangi, stimato pittore e scultore, le cui opere sono state esposte in numerose sedi prestigiose in Italia e all’Estero. In Palazzo Pretorio, a pochi passi dalla casa natale, ha sede la Collezione Permanente Giuliano Vangi, unica raccolta pubblica di opere grafiche, visitabile gratuitamente, gentilmente donata dal maestro a Barberino e ai suoi abitanti. L’Associazione “Amici di Giuliano Vangi” dal 2011 opera in campo culturale, promuovendo la conoscenza dell’attività artistica del maestro tramite alcuni incontri pubblici serali, l’organizzazione di mostre, convegni e visite culturali, al fine di rafforzare il legame tra l’illustre artista e il territorio mugellano. Il paese ha un posto speciale non solo nel campo dell’arti visive ma anche in quelle letterarie. Barberino diede i natali a Don Raffaello Cioni, sacerdote appassionato di letteratura, a cui è intitolato l’omonimo Premio Nazionale di Poesia e Narrativa, che dal 2002 attira tra i suoi partecipanti poeti e scrittori di tutta Italia. Il legame tra Barberino e la poesia non si esaurisce qui. La località mugellana fu infatti volutamente l’ultima tappa, il buen retiro, di Piero Bigongiari, affermato poeta, scrittore e critico letterario protagonista della vita culturale e letteraria italiana del Novecento.

Oggi lo sguardo privilegiato sulla realtà culturale contemporanea è offerto dalle interessanti proposte della stagione del Teatro Comunale Corsini, curata dalla compagnia Catalyst, e dalle tante mostre e presentazioni letterarie presenti in Palazzo Pretorio tutto l’anno.

Barberino è un territorio aperto, in cui hanno potuto convivere insieme significative e visionarie esperienze artistiche accanto ai folclori antichi, mai dimenticati e tramandati tutt’oggi. Un ruolo importante nella preservazione delle antiche tradizioni contadine del territorio è ricoperto dai Maggiaioli, i cantori del maggio e del raccolto propizio, che con le loro ricostruzioni e i canti popolari intonati in occasione della festa paesana del Cantà Maggio, scandiscono ogni anno il passaggio alla nuova stagione, secondo l’uso dei tempi passati. A partire dalla volontà di condividere e trasmettere la tradizione del ricamo del punto antico fiorentino, da oltre 12 anni l’Associazione culturale “Sul Filo del Tempo” opera sul territorio mugellano con lo scopo di accrescere la riscoperta e la condivisione di questo sapere antico.

Un passato storicamente rilevante, un presente di attivo e vivace associazionismo, permettono di immaginare che l’unione tra Barberino di Mugello e la Cultura abbia un roseo futuro.

News Cultura

News Cultura

Cultura e tradizioni

Palazzo Pretorio

Teatro Corsini

Premio Raffaello Cioni

News Cultura

Contattaci

Scrivici per richiedere informazioni, sarai ricontattato appena possibile!

Dove siamo

Via Amerigo Vespucci, 18/A

Barberino di Mugello - 50031 - Firenze

Telefono

+39 3240872050

Mail

info@prolocobarberino.net